Il Counseling

Che cos'è il Counseling

 

Il Counseling è un intervento basato sulla relazione che si propone  di sostenere e favorire il benessere psico-fisico dell'individuo.  L'intervento del counselor si applica in un contesto di salutogenesi,  quindi non di patologia. Il counselor, di conseguenza, si può definire  un agevolatore nella relazione d’aiuto. Lavora a livello individuale, di  gruppo, in organizzazioni e comunità, in un’ottica di prevenzione e di  promozione del benessere psicofisico dell’individuo e della  collettività. Questa figura professionale utilizza la relazione  l’ascolto e la comunicazione (verbale e non verbale) per migliorare la  consapevolezza e l’auto-esplorazione, per il raggiungimento di una  dimensione vitale più soddisfacente e creativa. Lo scopo del Counselor  non è quello di rivolgere il proprio aiuto e sostegno ad una particolare  problematica profonda, ma di aiutare l’individuo ad evolvere e ad  acquisire gli strumenti comunicativi e relazionali necessari ad  affrontare sia le problematiche presenti sia quelle successive, con  maggiore autonomia, responsabilità e consapevolezza. Operando per  differenze possiamo definire:

  • Il Consulente: una figura professionale che attraverso le proprie  conoscenze esprime un proprio parere di competenza su un quesito di  ordine tecnico.
  • Il Counselor: una figura professionale che, attraverso le proprie  conoscenze e competenze, è in grado di favorire la soluzione ad un  quesito che crea disagio esistenziale e/o relazionale ad un individuo o  un gruppo di individui.

Obiettivi generali dell'intervento di Counseling

 

• Esplorare, scoprire e rendere chiari i propri schemi di pensiero, sentimento di azione 

• Crescere nelle competenze di coping (capacità di gestione e  risoluzione delle situazioni problematiche o di cambiamento che la vita  presenta) 

• Aumentare l’autodeterminazione, anche rispetto alla soluzione  di alcuni problemi nella professione privata e nella vita personale.