Benvenuti

Il corso nasce dalla richiesta sempre più crescente di una specifica formazione in psicomotricità, da parte dei TNPEE che operano nei centri di riabilitazione privati e convenzionati.

Tale richiesta nasce dall’esigenza che tutti noi sentiamo fortemente, di fornire al bambino che ci viene affidato in terapia, il miglior intervento possibile per favorire appieno il suo sviluppo neuro cognitivo e relazionale.

Sempre più frequentemente vengono inviati nei nostri centri di riabilitazione, bambini con problematiche cognitive e comportamentali che richiedono da parte dell’operatore una competenza specifica e specializzata in Psicomotricità.

Questi bambini e le loro famiglie hanno bisogno di un un intervento altamente specializzato, e di una equipe competente che sia in grado di fornire una presa in carico veramente globale. Una equipe che sia in grado di intervenire in maniera specifica e puntuale sul bambino, ma nello stesso tempo di agire positivamente per il cambiamento e il miglioramento dell’ ”ambiente” in cui il bambino è inserito e vive la sua quotidianità.

Nel costruire questo corso di formazione ci siamo chieste, cosa averemmo voluto sapere, quando 20 anni fa abbiamo intrapreso questa professione, quale formazione ci avrebbe aiutato per affrontare le difficoltà del bambino e della sua famiglia? Abbiamo risposto che le competenze basilari per un buon intervento terapeutico sono il “saper comunicare”.

Saper comunicare con il bambino attraverso una specifica formazione personale volta a fornire gli strumenti necessari per acquisire una capacità di ascolto e di osservazione e una capacità di comunicare utilizzando un linguaggio comprensibile al bambino che ha di fronte, linguaggio che è basato sopratutto sulla comunicazione tonica, non verbale e infraverbale.

La nostra esperienza nel settore ci ha convinto che, accanto ad una specifica formazione teorica/ tecnica/personale in psicomotricità, fosse importante associare una crescita formativa nelle tecniche di comunicazione:l’intervento terapeutico funziona quando la comunicazione con l’ “ambiente “ del bambino è efficace, saper comunicare in maniera adeguata con i genitori, la scuola e tutte le persone che vivono intorno al bambino è necessario perchè il nostro intervento sia efficace. Agli operatori della riabilitazione, sopratutto nell’ambito dell’età evolutiva, è richiesto, oltre ad eseguire un progetto Terapeutico specifico per ogni paziente, anche di condurre colloqui con genitori, insegnanti, medici e con tutte le figure di riferimento che ruotano attorno al piccolo paziente, da qui l’importanza di conoscere approfonditamente le tecniche di comunicazione verbali e non verbali per poter eseguire al meglio il proprio lavoro.Per questa ragione abbiamo inserito in questo corso di formazione, una parte dedicata al couseling. Nel quale l’operatore impari il modo migliore per comunicare con gli adulti che vivono con il bambino e si occupano di lui, anche in questo caso si tratta di acquisire capacità di ascolto e di accoglienza e di essere forniti della capacità di dialogare in maniera costruttiva ed efficace con le persone adulte.

La struttura del corso prevede due anni d’insegnamento. Al termine dell’intero percorso sarà consegnato un attestato di partecipazione con la presentazione di un’elaborato finale da parte di ogni discente, su un argomento inerente il percorso formativo, scelto dai ragazzi. Sono, inoltre previsti dei momenti di verifica degli apprendimenti attraverso test e colloqui. Inoltre è in programma l’istituzione di un terzo anno in cui si approfondiscano le tecniche della supervisione sia psicologica che tecnica, saranno offerti approfondimenti tematici e un ulteriore percoso formativo corporeo attraverso i vissuti tonico/emozionali propri della formazione psicomotoria.

Il corso è strutturato con una frequenza mensile in un weekend al mese di circa 15 ore di formazione, per un totale di 10 weekend annui più un residenziale estivo. E’ previsto l’accreditamento ecm. All’interno del percorso è prevista prevista una stretta collaborazione anche da parte dei discenti a cui sarà richiesto di redigere dei “verbali” di ogni lezione, feedback importante per i formatori e strumento prezioso di rinforzo degli apprendimenti per gli studenti. A tutti i ragazzi sarà offerta la possibilità di effettuare seminari monotematici sia all’interno del loro percorso si a formazione terminata, rispettando coì la primaria volontà dell’aasociazione di condivisione della psicomotricità.

La formazione teorica è stata suddivisa in eguali parti tra psicomotricità e psicologia e tecniche di counseling, inoltre è prevista una alta percentuale di formazione corporea e personale attraverso vissuti psicomotori, attivazioni psicologiche, supervisioni personali e tecniche, formazione pratica sulle tecniche sia in psicomotricità che in counseling

Per Approfondimenti sul corso scaricare il file PDF

corso_biennale_di_specializzazione in psicomotricita e counseling (pdf)

Download

brochure 2018 (pdf)

Download